mazzetti-d'altavilla

Siamo nel cuore del Monferrato, ad Altavilla, fra la provincia di Asti e quella di Alessandria. È in questa affascinante atmosfera, scandita dai ritmi della vita contadina, fra duro lavoro e piacevoli pause trascorse negli animati cortili assaporando un buon bicchiere di vino, che Filippo Mazzetti, uomo di ampie vedute e raffinato ingegno, inizia, nel 1846, l’attività di distillazione della grappa dalle vinacce aromatiche, spesso considerate un prodotto di scarto nel processo di lavorazione del vino monferrino.

 

  

 

Si tratta della più antica Casa di distillazione operante in Piemonte. In Casa Mazzetti la passione per la Grappa si è tramandata di generazione in generazione secondo il legame vivo con la tradizione, ma con lo sguardo sempre rivolto al futuro. È infatti nel connubio tra tradizione e tecnologia che sono racchiusi la missione e l’impegno di questa famiglia, che ha creduto e investito nello studio e nella ricerca continua degli aspetti qualitativi e sensoriali della grappa, senza mai dimenticare le proprie radici.

Oggi, ad Altavilla, in prima linea, c’è la sesta generazione, seguita dal recente ingresso della settima generazione, con Chiara, Silvia, Elisa.

La distillazione della Grappa Mazzetti viene effettuata da soli vitigni piemontesi. I custodi della grappa di pregio sono gli antichi alambicchi discontinui, che cedono al prodotto la migliore qualità e che, a vapore diretto oppure a bagnomaria, ricevono ogni autunno le vinacce appena pigiate e le trasformano in liquido cristallino e prezioso, che scorre in lunghi tubi di rame fino alla delicata fase dell’estrazione del “cuore”, per arrivare all’affinamento nei contenitori d’acciaio e all’invecchiamento in botti di legno e in barriques.

La produzione Mazzetti d’Altavilla si diversifica in una decina di Grappe di singolo vitigno (Collezione), tutte piemontesi e alcune delle quali invecchiate; in alcuni Distillati d’Uva (giovane e invecchiato), in alcune barricate e Riserve di alto contenuto meditativo e nel Brandy Italiano (di 12, 20 e 27 anni di invecchiamento). La serie Collezione, presente da oltre vent’anni sul mercato, è dotata oggi di packaging ricercati, che comprendono veri capolavori di arte vetraria, opere di pittura artistica su vetro e tante idee di regalistica per un pubblico vario.

Il top di gamma Mazzetti d’Altavilla è rappresentato da Segni ®, una grappa intensa, da meditazione, per via di una lenta e insostituibile evoluzione in batterie di sei botticelle di diverse essenze lignee, procedimento che ricorda quello utilizzato per l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena.

Da non dimenticare gli stuzzicanti Zuccherini Spiritosi Zen, la Frutta al Liquore Flambar e i tanti Liquori di Spirito Italiano, a base di grappa e ideali da degustare ghiacciati.

La sintesi fra tecnologia e tradizione è ben rappresentata anche nella sede dell’Azienda. Nell’antica casa di famiglia, sapientemente restaurata e ampliata, trovano spazio gli uffici, la produzione e la distilleria, nonché l’Enoteca-Cantina, inaugurata nel 2005 e aperta al pubblico tutti i giorni, che nell’autunno 2011 ha superato le 100 mila visite da tutto il mondo. Un investimento legato al territorio, per tenere salde le radici con la terra e con il Monferrato e per contribuire a un’ospitalità turistica che promuove la cultura di un bere consapevole, basato sulla conoscenza di un’attività antica e tradizionale. Un investimento accompagnato dall’impegno nella diffusione, che si realizza nel suggestivo ambiente del Grappa Store di Marcallo con Casone, in provincia di Milano, un vero e proprio polo culturale ed enogastronomico, dove, grazie agli allestimenti, alle mostre e agli eventi i visitatori possono conoscere l’antico processo del “lambiccare” e possono effettuare un vero e proprio viaggio sensoriale nel mondo dei distillati, attraverso le degustazioni mirate. Ultima creazione è il Grappa Store Milano, punto di incontro nel cuore di Milano (Via Marghera 14) per la conoscenza e degustazione dei Distillati Mazzetti d’Altavilla che possono dunque incontrare, in un contesto affascinante, il pubblico glamour della capitale della moda.

L’eccellenza delle creazioni d Mazzetti d’Altavilla è stata certificata, negli anni, da una lunga serie di premi e riconoscimenti, a livello nazionale, e internazionale, tra cui l’ininterrotta presentazione di distillati vincenti allo storico concorso artigiano Alambicco d’Oro; i riconoscimenti da parte del tedesco Internationaler Spirituosen Wettbewerb, delle Olympiades du Vin a Bordeaux, della rivista americana The Wine Enthusiast. Dal 2014 la distilleria Mazzetti d’Altavilla è stata ininterrottamente inserita nella nota Guida Bibenda e destinataria dei Cinque Grappoli. Altri premi prestigiosi sono giunti nell’ambito di Les Citadelles du Vin, il Merano Wine Festival e l’IWSC.

L’entrata in funzione dell’innovativo impianto fotovoltaico presso la sede di Altavilla, che l’ha resa autosufficiente a livello energetico e certificata Verde Dentro, ha fatto inoltre meritare al distillato di Casa Mazzetti l’appellativo di Grappa Ecosostenibile.

L’Azienda nell’ultimo decennio ha scelto di impegnarsi a fondo nella creazione di eventi artistici e culturali, per far sì che la propria attività produttiva possa diventare traino allo sviluppo del territorio, Ecco nascere così gli appuntamenti di Arte in Distilleria, con le mostre di pittura, scultura e fotografia, e del Teatro in Distilleria, che ha portato ad Altavilla nomi importanti dello spettacolo. Ecco anche tanti interventi di riqualificazione della sede storica: la Cappella Votiva “La Rotonda” (1808), un vero e proprio gioiello architettonico inserito nel Parco Storico della sede, il Giardino, ispirato alle varietà autoctone e simboliche e i tanti luoghi toccati dai tour guidati sensoriali, che si possono svolgere sette giorni su sette (su prenotazione), accompagnati da degustazioni sensoriali e abbinamenti gastronomici. Ad abbellire il percorso la mostra di antichi e rari cimeli dal titolo “170 Anni di Grappa” e l’esposizione fotografica “Il Piemonte nello Spirito”, con dodici gigantografie di scatti emozionali realizzati da altrettanto fotografi professionisti dell’area Unesco di “Langhe-Roero e Monferrato” ispirati alle suggestioni del paesaggio e alla Grappa.

Costante resta poi l’investimento in operazioni di comunicazione e di marketing culturale. L’impegno nello ‘svecchiare’ l’immagine della grappa, un tempo connotata da caratteri di legame alla vita contadina, forte e grezza, e che oggi si pone con un nuovo profilo, più giovane e più morbido, si concretizza grazie anche alla creazioni di eventi che hanno associato la grappa a contesti nuovi e accattivanti. Fra le idee più innovative vi è la creazione di cocktail a base di grappa con la rivisitazione dei drink più noti attraverso l’uso del distillato piemontese di qualità, che contribuisce a promuovere un concetto di consumo moderato e responsabile del prodotto.

Ma il vero segreto del lavoro di Casa Mazzetti resta la passione: per un prodotto che racchiude la storia di un territorio e della sua gente.

Una passione sempre più trasmessa anche al pubblico femminile come testimoniano le parole di Elisa Belvedere Mazzetti, responsabile Export e Comunicazione e giovane presidente delle Donne della Grappa: La Donna – commenta Elisa Belvedere Mazzetti – si presenta come un’attrice fondamentale nella nobilitazione del Distillato Italiano: con la sua sensibilità, applicata alla cura della materia prima e del processo produttivo e all’attenzione verso il packaging, ha contribuito in modo sostanziale, in questi anni, a elevare l’immagine della Grappa e a intensificare la comunicazione verso un pubblico più ampio e più esigente.”

 

 

Mazzetti d’Altavilla – Distillatori dal 1846

www.mazzetti.iteventi@mazzetti.it

tel. 0142 . 926147- fax 0142.926241

1 Comment

Post a Comment